Vincere le proprie paure nel Texas Hold’em

Emozioni al tavolo verde tam

Tali caratteristiche hanno reso il texas holdem la variante del gioco maggiormente gradita ai giocatori, tanto da convertire parte dei giocatori di poker tradizionale ed attirare milioni di nuovi appassionati, soprattutto giovani, in tutto il mondo. I mezzi di comunicazione hanno notevolmente contribuito al successo del texas holdem, dato che sono stati creati canali tematici totalmente incentrati sul gioco, oltre a format televisivi e reality show dedicati. Su internet, invece, è possibile giocare a texas holdem grazie ai casino online. Il texas holdem sta riscuotendo dunque sempre più successo e la motivazione, oltre allo svolgimento dinamico del gioco già citato in precedenza, è il coniugarsi di una necessaria conoscenza delle regole del gioco con la forte impronta psicologica. Il texas holdem, infatti, richiede al giocatore la capacità di controllare perfettamente le proprie emozioni e di vincere le paure. Un giocatore che si siede al tavolo verde con la paura di perdere è un giocatore che ha già perso, poiché metterà in pratica a livello conscio ed inconscio una serie di strategie atte a proteggere il proprio capitale di chips, con la conseguenza di perdere innumerevoli occasioni di vittoria. Sarà infatti portato a prendere sotto gamba i rischi di ogni mano di texas holdem, finendo per essere facilmente colto in fallo dagli avversari che in breve tempo riusciranno ad estrometterlo dal tavolo. Come si intuisce, il texas holdem è quasi un gioco di ruoli, dove al tavolo verde si deve dimostrare di essere persone equilibrate. Affianco alla conoscenza profonda delle regole del gioco e delle migliori strategie, è necessario avere una profonda conoscenza di se stessi e la capacità di controllare le proprie reazioni, magari veicolando agli avversari dei messaggi con il corpo che permettano di accrescere le proprie possibilità di vittoria.

Come diventare un giocatore professionista di texas holdem vincendo le proprie paure

Il fascino del poker coinvolge milioni di giocatori sparsi in tutto il immacolato Conoscenza delle regole, psicologia e abilitа al servizio della disciplina Ci sono giochi di carte che si basano solo ed esclusivamente nella conoscenza delle regole: basta sapere perfettamente come agire in ogni occasione per riuscire in buona misura ad avere numerose chance di vittoria. Ci sono poi giochi di carte che invece basano abbandonato parte del loro svilupparsi nella cognizione certosina delle regole del gioco: con le discipline che rientrano in questa tipologia, il poker è certamente quella più celebre e che meglio ne incarna i connotati. Da cosa dipende allora la possibilità di vincere oppure perdere al di là delle carte che si hanno in mano? Da due aspetti: strategia e psicologia. Di cosa si tratta? Faccia da poker significa riuscire a controllare le proprie emozioni e le proprie espressioni esterne in funzione alle proprie necessità. Il problema è che le grandi case da gioco dove poter dare attivitа alla propria passione non sono numerose e sostanzialmente si trovano solo in poche città difficili da raggiungere ai molti. Infatti solo abitando nei pressi di Venezia, Montecarlo, Las Vegas, ecc, allora è possibile giocare a texas holdem poker in un casino escludendo troppi problemi.

Le regole del texas holdem poker: due carte e tanto divertimento

Alcune ben articolate, altre finite male, alcune interrotte sul più bello e altre dir poco comiche. Ovviamente non vanno presi ad esempio. Ai tavoli del Blackjack sono memorabili le vincite del gruppo di studenti del MIT, la famosa università americana. I ragazzi del MIT, grazie anche ad una attenzione fuori dal comune e con continui travestimenti, sbancarono a ripetizione. Altra fatto legata al blackjack, è quella del giocatore professionista e gambler high roller Don Johnson. Una vita spesa con gli ippodromi americani, fino a quando decise di intraprendere la strada del Blackjack. Ma la più clamorosa curricolo di malvivente in questo settore è quella di Tommy Glenn Carmichael.

Leave a Reply